ice cream sandwich per samsung galaxy s


Alla faccia di samsung che ritiene il samsung galaxy s obsoleto e con un hardware non abbaastanza potente per supportare ics, i ragazzi del team cyanogen hanno presentato da pochi giorni la RC3 della loro rom ICS.
Non ho potuto fare a meno di testarla perchè, da quando si legge sulle pagine di XDA, tutto funziona perfettamente. Il san Tommaso che è in me ha fatto si che il dito si spostasse velocemente sul link per il download. Fatto un bel backup della rom installata in precedenza, parte l’installazione di ics.
Il primo avvio non è andato a buon fine. Riavvio in recovery e faccio un bel wipe. Riparto e il sistema si carica con qualche difficoltà. Lascio che tutto si assesti per circa due minuti e riavvio per l’ennesima volta, un po’ sfiduciato ed ancora più felice di aver fatto per prima cosa il backup della rom precedente (che era poi la leaked 2.3.6. della samsung con il value pack e kernell semaphore).
Contro ogni mia più rosea aspettativa il sistema riparte in pochi seconti e inizia la configurazione di ICS. Aggiungo l’account google e mi ritrovo presto a dover constatare che il sistema è FLUIDISSIMO E SENZA IMPUNTAMENTI. Allora configuro tutti i miei account (da facebook a twitter), installo tramite titanium backup le mie app e in 25 minuti mi ritrovo con il telefono perfettamente funzionante.
L’impatto con ICS è dei più facili per me che ho anche un tablet honeycomb (il primo asus transformer) ma ancora più fluido e migliorato in tante piccole cose.
Funziona bene anche la fotocamera, lo zoom, la videocamera con filmati in 720p. Tutte le mie apps sono compatibili con ics, molte mostrano anche l’anteprima del widget.
Anche la connessione al viva voce in auto (quello seat e quindi quello del gruppo VW) funziona alla grande, tel subito riconosciuto, niente disconnessioni improvvise, rapido accesso alla rubrica.
Insomma, dopo un giorno di utilizzo intenso, posso dire che questa RC3 è davvero perfetta. Nessun riavvio o impuntamento, battery life nella norma, anzi, forse un pelo superiore rispetto alle rom utilizzate fin’ora.
Direi che bisogna fare al team cyanogen un altro grosso applauso per aver prodotto, in barba al produttore coreano ed al ridicolo value pack rilasciato pochi giorni orsono, una rom ICS che nella sua versione finale sarà davvero un must have per tutti i possessori di questo device e che ne allungherà sensibilmente la vita.
Piccola considerazione personale: “Cara Samsung, ora come ora mi space quasi dover cedere il mio sgs per il prossimo arrivo del galaxy nexus; va così bene ed è così “fico” che quasi quasi….”
Scherzi a parte (ovvio che il galaxy nexus è un prodotto completamente diverso), questa rom è davvero un ottimo motivo per tenersi in tasca qualche euro insieme al buon vecchio galaxy s;)
Vi lascio con alcun screenshot

image

image

image

Robert Capa: fotografia d’assalto


Da anni vedo quotidianamente la foto di Rober Capa con il soldato ed il contadino siciliano che gli da indicazioni, “dominare” la parete della sala in cui teniamo le riunioni.
È una foto 50×70 che venne esposta in una mostra e successivamente ci fu donata dal gallerista. Non è un originale ma una stampa di ottima fattura attraverso la quale è possibile notare numerosi dettagli sull’espressione dei volti dei due protagonisti.

Ma veniamo al caro Robert, partendo dal suo celebre motto:”Se la foto non è venuta bene, magari non eri abbastanza vicino”; motto che ne ha certamente delineato il successo ma ne ha anche provocato la morte.

Capa infatti, muore all’apice del suo successo, mentre si getta per l’ennesima volta, nella furia della battaglia. Per gli amanti della storia, trovate molte informazioni in rete sull’avventurosa vita di questo maestro della fotografia. Vedrete in tal modo la moltitudine di guerre e sommosse a cui partecipò come reporter e capire come fosse sempre a stretto contatto con ciò che raccontava.

Le sue foto parlano di guerra me, secondo me, non ne parlano con il senso astratto del cronista come quelle di alcuni reporter di oggi. Capa a mio avviso, è talmente a contatto con l’azione che le sue foto parlano di come gli uomini, soldati e civili, vivono la guerra. Per questo, secondo me, la sua frase sulla “vicinanza” non è riferita solo alla vicinanza fisica al soggetto da ritrarre, ma anche alla vicinanza emozionale ed umana rispetto la situazione che si cerca di raccontare attraverso le immagini.

In sostanza, si tratta di entrare in empatia con il soggetto, sia esso un luogo, una persona, una situazione. La conoscenza ci rende consapevoli e la consapevolezza ci fa commettere meno errori, ci rende più sicuri, pronti ad agire quando ce ne sarà bisogno. La fotografia è fatta d’attimi, essere impreparati può fare la differenza.

Vi esorto quindi ad approfondire la conoscenza di questo grande artista del secolo scorso e, se capitate a Budapest, di fare una visita alla sua mostra. Per i più pigri, informo anche che “Aspettando Robert Capa” diventerà presto un film (fonte LASTAMPA.it http://www3.lastampa.it/fotografia/approfondimento/articolo/lstp/72881/), non perdetevelo!

Autore: Alessandro Piazza

David La Chapelle…che talento ragazzi!


Continuiamo nel nostro viaggio fra i mosrti sacri della fotografia contemporanea e non. Disturbiamo oggi il signor David La Chapelle, uno dei più talentuosi fotografi contemporanei, almeno secondo me, ed un altro paio di decine di milioni di persone.

Qui presento un numero esiguo di scatti giusto per presentarvi l’artista ed incuriosirvi nell’andare a vedere il suo sito (http://www.lachapellestudio.com/) e le molte immagini presenti su internet.

Mi è venuta voglia di darvi un po’ di notizie su questo artista perchè non prediligo nè la fotografia di ritratto nè quella a colori ed il suo stile “ritrattistico”,sarcastico e surreale è molto legato invece all’espressione di emozioni attraverso il sapiente uso dei contrasti di colori.

Fra i suoi scatti quello che personalmente preferisco, è quello ad Angelina Jolie. Secondo me è geniale, comunicativo e sexy come nessun altro. Il taglio, i colori, l’espressione del viso, la naturale sensualità della modella lo rendono davvero speciale.  Provate a mettere su google “Angelina Jolie” e guardate le foto che appaiono. Poi guardate questa. Ora, non è che una come Angelina si faccia fotografare da incapaci ma questo scatto ne cattura l’essenza come nessun altro secondo me.

Spero di avervi trasmesso un po’ di curiosità nei confronti di questo eccentrico e talentuosissimo fotografo in modo che il vostro modo di vedere le cose tenga conto anche di queste immagini così tanto fuori dal comune.

Autore: Alessandro Piazza

La composizione


Vorrei darvi una serie di suggerimenti, che io stesso ho ricevuto e continuo a ricevere, per cercare di migliorare le vostre immagini, se queste non dovessero essere per voi soddisfacenti. Si tratta di consigli per principianti che si affacciano per la prima volta al mondo della fotografia oltre la la foto ricordo.
Dopo la conoscenza di base della regola aulica e dei terzi di cui potete diventare dei veri e propri esperti con un semplice click so google, io direi che dovreste cominciare a farvi delle domande. Ok, la cosa fa un po’ Marzullo ma è fondamentalmente vera! Citando il mio maestro Raffaello Di Lorenzo (visitate il suo blog <a href="http://raffaellodilorenzo.blogspot.com/&quot;), dovrete imparare a chiedervi “Perchè diavolo sto premendo il bottone di scatto di fronte a questa scena? Cosa mi ha colpito di tutto questo?”. Rispondete ed avrete molto più chiaro l’obiettivo dinnanzi a voi, ed otterete come risultato una foto molto più comunicativa. Cercate quindi di trasmettere le vostre emozioni di fronte a quella scena, al vostro osservatore. Chiedetevi come potete mettere in risalto il soggetto ricordando una massima di un archietto minimalista tedesco (di cui ovviamente non ricordo il nome, cercatelo voi su wikipedia:)) e cioè “less is more” che potrebbe essere tradotto in un italianissimo “il troppo stroppia”. Non mettere nello stesso fotogramma 4 soggetti di uguale importanza, non ne focalizzereste nessuno. Cercate di isolare il soggetto oppure, se questo è importante, inseritelo nel suo contesto. Potete anche sfruttare il contesto per definire il soggetto, anche questo funziona! Vi faccio un esempio: pensate di vedere un automezzo di enormi proporzioni. OK, ora scattate. Bene, se avete fotografato solo l’automezzo e questo tiene tutto il fotogramma e non ci sono altri elementi di contorno…avete fatto un pessimo lavoro!!!! Come potete pretendere di far vedere che quell’automezzo sia gigantesco se lo decontestualizzate così? Per percepirne le dimensioni attraverso un’immagine, basterebbe che il suo “autista” fosse di fiano ad una delle enormi ruote. Sono sicuro che avete capito ciò che vi voglio trasferire. Prallelamente se vedete la solita tenera farfallina nel prato e la fotografate lì mentre svolazza su un bel tappeto di fiori gialli e rossi e viola ed erba verde….dovrete chiamare Grissom per cercare le tracce della poveretta sul fotogramma anche se fosse lì nel centro dello stesso con tutto quello sofondo magari anche perfettamente a fuoco. Spostate il selettore della compattina su primi piani (o cosa simile) oppure in manuale aprite il diaframma fino a 4 e scattate alla piccina magari quando lo sfondo è di un colorer che faccia contrasto con il suo. Il risultato sarà un soggetto a fuoco su uno sfondo sfocato ma intuibile. ben diverso. Provateci e divertitevi.

Negozi on line testati personalmente


Qui di seguito vi propongo una mini recensione sulle mia esperienza personale per l’acuquisto di materiale fotografico:

  • Mr.Price.  PRO: ottimo sito, ben gestito, servizio clienti ottimo e veloce, spedizioni velocissime, possibilità di ritiro a mano in zona milano, garanzia italiana dei prodotti. CONTRO: spesso i prezzi non sono molto convenienti e non c’è una gran scelta.
  • Fotocolombo. PRO: possibile ritiro a mano in negozio zona como-varese, vasta scelta di articoli, possbilità di noleggio in negozio, ottimi prezzi, materiale originale e garantito. CONTRO: sito realizzato un po’ artigianalmente ma che non deve scoraggiare, non sempre tempestivi nell’invio ma comuque tempi d’evasione ragionevoli, personale non sempre cortese ma preparato.
  • Il Fotoamatore. PRO: sito chiaro ben fatto, servizio clienti celere, ottimi prezzi, molta scelta, celerità nell’invio. CONTRO: fin’ora nessuno.
  • Pixmania. PRO: sito vastissimo, ottimamente realizzato, permette una ricerca mirata dell’articolo e di valutare prezzo e condizioni, prezzi buoni. CONTRO: tempi di evasione non sempre brevi.
  • Ollo Center. PRO: prezzi ottimi, celere invio, stito ben realizzato, ottima scelta di prodotti. CONTRO: servizio cliente non sempre pronto ma celere e facile da contattare.
  • VENDILO SALERNO (negozio ebay): Ottimi prezzi, inserzioni VERE al 100%, prodotti gamma canon molto buoni, contatto con il venditore sempre assicurato e celere. CONTRO: garanzia non sempre italiana ma internazionale, fatture a volte da richiedere, tempi di consegna che talvolta si dilatano fino a 2-3 settimane.

Questi sono i principali negozi on line dove mi servo o mi sono servito. Non ho mai avuto problemi o seccature di nessun tipo anche se non posso assumermi responsabilità nei confronti di un vostro eventuale travagliato acquisto . Sono solo pareri personali, prendeteli per ciò che valgono 😉

Acquistare materiale fotografico online


Come molti di voi, o meglio, come molti di noi, anche io acquisto materiale fotografico on line. Spesso però mi capita di vedere prezzi o “negozi” che ispirano poca fiducia. Innanzi  tutto, per chi compra on line sono a mio avviso basilari dei piccoli consigli che possono davvero salvaguardare gli acquisti. Qui un piccolo “decalogo” su come orientarsi per un acquisto sicuro:

  • Il prezzo più basso è la vostra regola di ricerca? bene, fate attenzione che non sia TROPPO BASSO! Nessuno regala nulla: un prezzo troppo basso (30-40% in meno del prezzo medio) può nascondere insidie come: mancanza di garanzia italiana, mancanza di fattura, non conteggio dei dazi doganali di importazione, truffa bella e buona
  • Rivolgetevi ai negozi on line che abbiano dei feed positivi dagli utenti. Fate delle ricerche su google utilizzando il nome del negozio e vedete cosa ne viene fuori o utilizzate kelkoo o ciao.it o altri e leggete le recensioni sul negozio
  • Leggete bene le condizioni di acquisto e spedizione. I tempi di spedizione spesso sono lunghi, accertatevi che siano compatibili con le vostre esigenze.
  • Se fate acquisti su ebay, verificate i feed dell’utente e preferite i negozi on line. Verificate prima se la merce è fatturabile e coperta da garanzia, verificate se la spedizione può essere assicurato o meno, contattate preventivamente il venditore per eliminare eventuali perplessità (così facendo verificate anche i contatti che ha lasciato). Pagate con paypal o con metodi tracciabili, rimborsabili e garantiti.

Seguendo queste poche regole dovreste riuscire a fare degli ottimi affari senza incorrere in spiacevoli sorprese. Considerate comunque che acquistando on line non avete la possibilità di testare il prodotto con mano e spesso può essere un problema. Ci sono ottiche costose che alle volte presentano difetti di fabbricazione. Mandarli in assistenza può essere oneroso in termini di tempo. Per questo avere la fattura e la garanzia è indispensabile. Bene, non vi resta che dar fondo alla vostra carta di credito!